News

Calore o microonde..... chi vincerà la gara della capacità di stoccaggio?

Due tecnologie, che sono state sviluppate negli ultimi anni, si sono recentemente rotte sul mercato. Entrambe promettono di fornire un rapido aumento delle capacità dei dischi rigidi, ma entrambe possono essere sostenute, oppure una di queste tecnologie sarà trionfante?

La registrazione magnetica assistita da calore (HAMR) è stata sviluppata da Seagate, mentre Toshiba sta investendo nella registrazione magnetica assistita da microonde (MAMR).

Anche MAMR è stato sviluppato autonomamente da Western Digital dopo che nel 2017 è passato da HAMR. "MAMR è una delle due tecnologie a energia assistita che Western Digital sta sviluppando da anni. L'azienda ha recentemente innovato una svolta nei materiali e nei processi che fornisce le prestazioni affidabili e prevedibili richieste, nonché la producibilità per accelerare la densità areale e i miglioramenti dei costi fino a una media stimata del 15% all'anno.

"Gli sviluppi nelle altre tecnologie a energia assistita, in particolare HAMR, presentano nuove sfide in materia di scienza dei materiali e affidabilità che non sono un fattore di MAMR. Solo MAMR dimostra l'affidabilità e il profilo dei costi che soddisfa le richieste degli operatori dei data center".

Come suggerisce il nome, HAMR utilizza il calore per aumentare la quantità di dati che possono essere memorizzati sui dischi rigidi. Le superfici delle unità vengono riscaldate durante la scrittura, rendendole più ricettive e permettendo così di memorizzare i dati su segmenti più piccoli.

Come ha dichiarato Mark Re, Chief Technology Officer di Seagate: "HAMR è una tecnologia progettata per consentire il prossimo grande aumento della quantità di dati che possono essere memorizzati su un'unità disco rigido. Utilizza un nuovo tipo di tecnologia magnetica su ciascun disco che consente ai bit di dati, o grani, di diventare più piccoli e più compatti che mai, pur rimanendo magneticamente stabili. Un piccolo diodo laser collegato ad ogni testina di registrazione riscalda un piccolo punto del disco, che permette alla testina di registrazione di capovolgere la polarità magnetica di ogni bit molto stabile, consentendo la scrittura dei dati".

Seagate afferma di aver già spedito unità HAMR e secondo il registro "Seagate ha stabilito la rotta per la consegna di un'unità disco da 48 TB nel 2023 utilizzando la tecnologia HAMR, raddoppiando la densità d'area ogni 30 mesi, il che significa che 100 TB potrebbe essere possibile entro il 2025/26".

MAMR è una tecnologia molto più facile da implementare di HAMR, afferma David Wachenschwanz, ingegnere di soluzioni. Grazie a MAMR, WD prevede che vedremo unità da 100TB in circa 10 anni.
È interessante il fatto che Seagate ha ancorato il proprio futuro all'albero HAMR, con Toshiba che persegue un'alternativa MAMR. Che WD commutato da uno all'altro pone davvero la questione di quale di essi vincerà la gara di capacità di memorizzazione; calore o microonde? Cosa significherà tutto questo per il futuro del mercato degli HDD?

Una cosa è certa: Exertis Hammer terrà d'occhio le due tecnologie e sarà nella posizione migliore per offrire informazioni e consigli. Parlate oggi stesso con il vostro account manager.

 

Source: Hammer
Published Date: 18/03/2019

Back to News